Español Catalano Italiano French English
Storia di Girona

Storia di Girona

Associazione informatori Turistici di Catalunya
Visite guidate Girona  con Guide turistiche

Storia di Girona:
Ne periodo delle guerre sertoriane, 82 – 72 a.c., un giovane generale Romano, viene inviato in Spagna per contrastare il potere di Sertorio. Questo generale si chiamava Gneo Pompeo. Ed é proprio a lui che si attribuisce la costruzione di un Oppidum sull’antica via Heraclea (successivamente chiamata via Augusta) dove appunto confluiscono 4 fiumi, l’Onyar, il Güell, il Galligants ed il Ter. Questo Oppidum in seguito si chiamerà GERUNDA – Girona che risulterà importantissimo a livello strategico perché collegato via fiume con il porto di Empuries. 

Durante le persecuzioni di Diocleziano, Daciano, nel 303-305, martirizzò San Felix l’africano (proveniente da Scilla in Mauritania) ed in seguito un altro personaggio, San Narciso, (da Augusta) vescovo itinerante, verrà ucciso divenendo così il Santo Patrono della città.

La testimonianza di questo passaggio storico si concretizza nella Chiesa di San Felix, che sorge su un antico cimitero pagano e paleocristiano di cui risaltano i bellissimi resti di sarcofagi posti vicino all’altare, nonché la chiara struttura della costruzione, che a strati, mostra il passaggio dal romanico al gotico culminante nel barocco della facciata della Chiesa. 

In seguito alla decadenza dell’impero romano, nel 476 la città passò sotto l’egemonia visigota sino al 715. Nel contempo la religione cristiana si diffondeva nella Hispana romana e visigota.

Il I Concilio di Toledo, costituisce il Vescovato di Girona che sopravviverà a tutte le vicende di coloro che si contesero la dominazione sulla comarca. 

La legenda sulla fondazione della città viene attribuita ad un personaggio mitologico: Gerione, rappresentato sovente come un gigante con tre teste, figlio di Crisaroe e di Callirroe, re dell'isola Eritrea nell'Oceano Atlantico. Nell'intento di allargare il suo regno, si spinse sino ai limiti della penisola Iberica, dove fondò una città, alla quale diede il suo nome: Geriona. 
Gerione divenne proprietario d'un regno esteso fino ai confini della mitica Tartesso. 
Nel suo regno, (a Erytheia, forse Eritrea) il gigante possedeva magnifici buoi dal pelo rosso che causarono l’invidia di molti, tra cui Euristeo, che ordinò ad Eracle (Ercole) di sottrarli.
La brama di conquiste del gigante venne interrotta da Ercole, che nella decima fatica lo uccise.

Durante la RIVOLTA DELLA PACE, perpretata da Paolo di Toledo (Flavius Paulus), ai danni del suo re, si fece proclamare ed incoronare sovrano, proprio nella Chiesa di Gerona, con la corona d'oro già usata dal re RECAREDO. Per questo Gerunda fu conquistata da Wamba, re dei Visigoti.

L’antico foro che successivamente divenne un tempio visigoto, si trasfomerà in una Chiesa solo a partire dal V secolo. Santa Maria, detiene il primato come una delle prime sedi Vescovili in Spagna, infatti ci sono documenti riguardanti il Vescovo Frontiniá datati 516. La Chiesa venne ricostruita nel 1038 dal vescovo Pere Roger fratello di Ermensenda di Carcassonne insieme al palazzo Episcopale. 
Di questa época é appunto la Torre di Carlo Magno con le relative leggende connesse: la conquista, la spada , la strega, il trono, la torre e la santificazione di Carlo Magno. 

Nascerá anche l’istituzione della Pabordia , per la raccolta delle tasse. In seguito, la comunità eclesiastica, “IL CABILDO”, nel 1347 approvò un progetto di ricostruzione della Cattedrale, in stile gotico ed a una sola nave. Fatto che per l’epoca, era una primizia architettonica. Gli architetti progettisti, PERE DE COMA E PERE CAMPMAGRE non riuscirono ad terminarla e in seguito, furono gli architetti Antoni Canet e Guillermo Bofill, che nel 1416 continuarono la costruzione della navata unica più grande del mondo, seconda solo a San Pietro, che terminerà complessivamente nel XVIII secolo. Per questo risulta molto interessante la visita del Museo nella Cattedrale di Girona. 

All'interno della Cattedrale, proprio nella ex sala capitolare, ospita un museo contenente molte testimonianze di questa storia, compreso l’unico ed ineguagliabile TAPIS DE LA CREACIÓN. Ma la Cattedrale é un esempio architettonico dove si riconoscono vari stili che dal romanico, attraverso il gotico, giungono al barocco. Artisti Catalani, come Pau e Pere Costa, famosi per le loro opere barocche, parteciparono alla costruzione di questa magnifica Cattedrale che rimane il riassunto storico di Girona